Health Democracy: the project

In the year 2020 Europe entered its first lockdown: today we turn our gaze to this past year, trying to understand some macrodynamics that led us at this point today. For this FEPS and Fondazione Socialismo created the “Health Democracy” project. The “Health democracy” project is a European project aimed at creating an integrated analysis on the social inequalities of the post-covid world. The project is divided in 3 lines of action: Research, Training, Dissemination.

 

RESEARCH

The experts of Fondazione socialismo and FEPS are committed, together with Mondoperaio magazine, to research and analysis. Therefore, the project will produce a European white paper of Health Democracy, a report whom PROF Carlo Caldarini and Felicia Modica are working on in collaboration with young researchers and activists. The paper will represent the “theoretical” section of an all-encompassing analysis (analytical, socio-political, conference debate …) mirroring post-covid social reality. This report is a scientific exploration (therefore based on data and academic research) of the scenarios of inequality following the spread of the pandemic. We decided to create a cosmopolitan perspective, which includes four European cities as cardinal points for a socio-demographic approach on “health inequalities” and a point of view from other parts of the world (such as Myanmar).

TRAINING

Feps and Fondazione socialismo have always been focused on training pools and formation, for theoretical and research work to be integrated and assimilitaded at best in their nearest circles. Several workshops and seminars are planned but the main new perspective of this project is the idea of political design, studied by prof Elisabetta Cianfanelli and Dr Claudia Coppola, from University of Firenze: “Pandemic is significantly shaking the foundations of a staggering reality, marked by inequalities and in search of greater social, economic and environmental responsibility.

A great technological, social and political transformation is taking place producing new forms of work and new lifestyles, new dynamics and new relationships between people, the environment and the community. Strategical preparation for the future is essential, expressing a political planning that is able to translate new technological opportunities into development and innovation levers.

FEPS and Fondazione Socialismo want to explore and renew the ways to architect the political future in the age of technology. Politics was the “queen of techniques”. Architecture, literally superintendent of techniques, has always been a metaphor for politics. Design is the key to get out of the metaphor.

The training events aim to present the disciplinary field of design, its tools and its approaches, as historical translator of technological progress placed at the service of social well-being. Thanks to its analysis, verification and synthesis, a design project is able to provide answers to perceived and intercepted needs, thus accompanying the evolution of modus vivendi.

The workshop activity aims to offer an experience of disciplinary contamination, proposing to the participants to adopt and experiment some of the design tools in the drafting of proposals for writing reforms at European level aimed at promoting the transition to a new digital democracy”.

DISSEMINATION

Everything in the project (knowledge, ideas, methods) is meant to be disseminated and shared world wide.
For this reason we have built this website to collect and publish everything we produce such as papers and other features, videos, news, events, etc.

Nel 2020, l’Europa ha attraverso il suo primo lockdown: rivolgiamo lo sguardo a quest’anno passato, per cercare di comprendere alcune delle macro-dinamiche che ci hanno condotto a questo punto. E’ per questo motivo che la FEPS e la Fondazione Socialismo hanno creato il progetto “Health Democracy”, un progetto europeo che mira a creare un’analisi integrata delle diseguaglianze sociali nel mondo post-Covid.
Il progetto si muove lungo tre linee di azione: Ricerca, Formazione, Disseminazione.


RICERCA

Gli esperti della Fondazione Socialismo e della FEPS saranno impegnati, insieme con Mondoperaio, in attività di ricerca e analisi. Il progetto produrrà un Libro Bianco europeo sulla Democrazia nella Salute, un rapporto su cui stanno lavorando i professori Carlo Caldarini e Felicia Modica in collaborazione con giovani ricercatori e attivisti, e che sarà la sezione teorica di un’analisi a 360 gradi (a livello analitico, socio-politico, di dibattito pubblico) sulla realtà sociale post-Covid. Il rapporto sarà un’esplorazione scientifica, basata su dati e ricerche accademiche, degli scenari di diseguaglianza risultato della diffusione della pandemia. Abbiamo scelto una prospettiva cosmopolita, che include quattro città europee come i punti cardinali di un approccio socio-demografico sulle diseguaglianze sanitarie, oltre che punti di vista da altri Paesi del mondo (come il Myanmar).

FORMAZIONE

La FEPS e la Fondazione Socialismo hanno sempre promosso attività formative, in modo da permettere ai risultati del lavoro teorico e di ricerca di essere integrati e assimilati nelle cerchie di attivisti. Sono stati programmati numerosi workshop e seminari, basati sulla prospettiva del political design, portata avanti dalla professoressa Elisabetta Cianfanelli e dalla dottoressa Claudia Coppola, dell’Università di Firenze: “La pandemia sta stravolgendo in maniera significativa le fondamenta di una realtà sbalorditiva, segnata da disuguaglianze e dalla ricerca di una maggiore responsabilità sociale, economica e ambientale. Sta avvenendo una grande trasformazione tecnica, sociale e politica, che produce nuove forme di lavoro e stili di vita, nuove dinamiche e nuove modalità di relazione tra le persone, l’ambiente e la comunità. Prepararsi strategicamente al futuro, esprimendo una capacità di pianificazione politica in grado di tradurre nuove opportunità tecnologiche in leve di innovazione e sviluppo, è essenziale. La FEPS e la Fondazione Socialismo vogliono esplorare e rinnovare le strade con cui architettare il futuro politico nell’era della tecnologia. La politica è sempre stata la “regina delle tecniche”. L’Architettura, letteralmente sovraordinata alle tecniche, è sempre stata una metafora della politica. Con il design, puntiamo a uscire dalla metafore. Gli eventi formativi intendono presentare il campo disciplinare del design, i suoi strumenti e approcci, come traduzioni storiche del progresso tecnologico al servizio del benessere sociale. Grazie alle sue analisi, verifiche e sintesi, un progetto di design può dare risposte ai bisogni percepiti e intercettati, accompagnando l’evoluzione del nostro modus vivendi. Le attività dei workshop offrono un’esperienza di contaminazione tra discipline, proponendo ai partecipanti di sperimentare e adottare alcuni strumenti di design nella realizzazione di proposte di riforma a livello europeo rivolte alla transizione verso una nuova democrazia digitale.

DISSEMINAZIONE

Tutte le attività del progetto (conoscenze, idee, metodi) sono pensate per essere disseminate e condivise a livello globale. Per questo motivo, abbiamo costruito questo portale web come luogo in cui raccogliere e pubblicare tutte le nostre attività.